Nel 1971 fu lo chef di fama internazionale Capogna, venuto ad Arezzo per inaugurare Il Ristorante “Il Torrino”, a gettare le radici dell’associazione cuochi Arezzo.

Nel 1973 l’incontro tra il cavalier Rinaldo Drago e lo storico presidente nazionale Renato Ramponi.
Da questa amicizia nasce ufficialmente nel 1976 l’associazione cuochi di Arezzo e l’inizio di un lungo sodalizio nell’unione regionale cuochi toscani e nella federazione nazionale.

p_20070213123940 p_20070213123935 p_20070213123944
Dal 1976 al 1982 l’associazione Arezzo viene sostenuta e vitalizzata da innumerevoli iniziative organizzate dal presidente cavalier Rinaldo Drago,dal parroco buongustaio Don Cocci, dal segretario Natale Giannini e dal prof. Sergio Conti.

Dal 1982 al 1986 alla presidenza dell’Associazione Cuochi Arezzo c’e’ una signora, Adriana Bigianti,
titolare del ristorante TONINO a Cortona.
La sua grande esperienza nel settore ristorazione e catering la porta a favorire lo svolgimento di corsi e concorsi
mirati all’allestimento di buffet e alla realizzazione di piatti per banchettistica.
Del consiglio fanno parte .Sergio Conti (segretario),Domenico Gregori,Giannini Natale,Angelo Drago,
Zurli Lamberto,Bruci Domenico,Piero Lapini.

Dal 1986 al 1990 presidente dell’associazione Arezzo e’Angelo Drago.
Sarà in questo periodo , che oltre a un’intensa vita associativa basata sull’aggiornamento collettivo,sulla promozione della cucina territoriale e nel cercar di dare visibilità all’associazione,nasce il premio “Guido Tarlati”.
Del consiglio direttivo fanno parte:Bigianti Adriana,Sergio Conti,Bruci Domenico,Giannini Natale,
Lapini Piero,Zurli Lamberto,Rosadi Marta e Gregori Domenico.

Dal 1991 al 1994 sarà presidente Piero Lapini .
La sua provenienza dall’AIS Associazione Italiana Sommelier,oltre alla normale vita associativa,
favorirà il dibattito eno-gastronomico e innumerevoli saranno le cene con attenzione alla cucina territoriale in abbinamento ai vini.
Numerose saranno le trasferte dei cuochi aretini all’estero,per valorizzare e promuovere la cucina toscana e i sui vini.
Del consiglio faranno parte:Mariottini Michele,Conti Sergio ,Bruci Domenico,Gregori Domenico,Rosadi Marta, Zurli Lamberto e Lodovichi Roberto.

Dal 1995 al 2006 alla guida dell’associazione cuochi Arezzo e’ Gregori Domenico.
Innumerevoli sono gli eventi gastronomici,con particolare attenzione al premio “Guido Tarlati”.
Intensa l’attività formativa sulla valorizzazione delle cucine locali,sulla cucina creativa moderna e sulla prevenzione d’igiene alimentare (avvento in Italia dell’HACCP).
Molte le uscite del gruppo assoc.cuochi aretini all’estero per promuovere la cucina territoriale.
Del consiglio provinciale fanno parte:Lodovichi Roberto,Giuliattini Giuseppe,Senesi Franca,Bruci Domenico,Rossi Massimo,Rosadi Marta,Zurli Lamberto,Conti Sergio.

Dal 2006 il testimone passa al presidente Roberto Lodovichi e al segretario Gian Luca Drago .
Molte sono le attività in ambito formativo,con aggiornamenti continui degli associati e soprattutto del team-professionale provinciale istituito in questo periodo.

Del consiglio provinciale oltre al presidente ed al segretario fanno parte:Giuseppe Giuliattini,Franca Senesi,Domenico Gregori,Piero Lapini,Zurli Alessandro,Paolo Mezzetti.

La figura professionale del cuoco in questi ultimi anni e’ cresciuta molto.
Ad esso oggi non solo il compito di preparare belle e gustose pietanze.
Un buon cuoco ha il dovere di conoscere le origini e la storia della nostra cucina tradizionale
e di proteggere le tipicità dalla globalizzazione del gusto e dei sapori, dettata per tanti motivi dai nostri tempi.
Il cuoco del terzo millennio deve saper individuare e scegliere con cura i prodotti da cucinare,
conoscere le tecniche e le moderne tecnologie per la trasformazione degli alimenti,
deve conoscere il mercato e le nuove tendenze.